Lavorare a 16 anni : teenagers working

[en]

One thing that surprises, especially during summer, is to see kids working everywhere. Cafe ‘, retails, tourism, supermarkets, fairs, pr, etc.
I spoke with a 16 years oldCanadian girl, who currently works part-time in a bakery close to home, to understand a little ‘more’ about this phenomenon. She says it’s quite common for teenagers to work. It’s a pride earn for personal expenses, such as clothing, concert tickets, phone bills, but also set aside money for university or other dreams. At 16 years ols is not anymore difficult to find work as at 14-15, when is not easy to demonstrate sufficient maturity and experience, so it’s most common to work as an apprentice through family friends. Anyways, before finding a job, is necessary to be armed with thirty CVs and knock at the door of all the downtown shops, but there’s always a chance, especially in June to cover the summer, in September / October for some evenings and at least one weekend day, and then in view of the Thanksgiving Day, Christmas and other important holidays there is always a need for more staff.
In addition to setting aside money, this girl likes to work ’cause in this way she gains experience and learn to communicate with customers and employers. Also it can prove to be a mature, proactive girl, and while being in contact with adults she gets a lot of tips that can help her in the future.

[it]

Una cosa che sorprende, soprattutto d’estate, e’ vedere ragazzini che lavorano ovunque. Cafe’, negozi, turismo, supermercati, banchi delle fiere, pr etc.
Ho parlato con una studentessa Canadese di 16 anni che al momento lavora part-time in un forno vicino a casa, per capire un po’ di piu’ riguardo a questo fenomeno. Dice che e’ piuttosto comune per gli adolescenti lavorare. E’ un orgoglio guadagnare per le spese personali, come vestiti, telefono, biglietti dei concerti,  ma anche mettere da parte i soldi per l’universita’ o sogni nel cassetto. A 16 anni non e’ piu’ difficile trovare lavoro come lo era a 14-15 anni, quando non si puo’ dimostrare sufficente maturita’ ed esperienza, e magari si trovava lavoro come garzone solo tramite amici di famiglia. Certo, bisogna sempre armarsi di una trentina di curriculum e bussare la porta di tutti i negozi del centro prima di trovare un lavoro, ma c’e’ sempre la possibilita’, soprattutto a giugno per coprire il periodo estivo, a settembre/ottobre per alcune sere e almeno un giorno del fine settimana, e poi in vista del Giorno del Ringraziento, Natale e altre festivita’ c’e’ sempre bisogno di piu’ personale. Oltre che mettere da parte dei soldi, a questa ragazza piace lavorare perche’ cosi’ guadagna esperienza lavorativa e impara a comunicare con clienti e datori di lavoro. Inoltre puo’ dimostrare di essere una ragazza matura che si da da fare, ed essendo a contatto con adulti, ottiene un sacco di consigli che la possono aiutare nel futuro.

mangiare la Coda di Castoro!

Vi avverto, questa e’ una maialata. Mi piacerebbe dilungarmi sulle paste Canadesi, che hanno una passione sfrenata per i dolci, ma questa invenzione le batte tutte. La Bever Tail. Che non e’ una vera coda di Castoro, ma ne ha la forma. Pastafrolla fritta (non tipo bombolone, molto piu’ fritta e solida) con sopra una varieta’ di cose, come nutella e banane, burro di sciroppo d’acero, cioccolata e noci, semplice con zucchero a velo o con sciroppo d’acero etc. Viene servita calda dalle bancarelle posizionate strategicamente nei posti turistici, quando non sai dire di no a queste bombe caloriche! Ma tranquilli, una pasta di queste e’ lunga circa 25 cm, e dunque ne basta una sola per tutta la famiglia!

poche formalita’ nell’abbigliamento -easygoing style.

[en]

In Canada you do not follow the trends in mass. There’s no coat in vogue this particular winter, if anything it needs to protect you by the harsh contidions. There are many styles and trends, and elegance is not a must, even in most bars and restaurants. You might wakeup a Sunday morning in need to get your milk at the grocery store, and you leave home in your pajamas, or be an adult who wear hats representing various animals, and nobody cares to use an umbrella if it snows. Canadians generally do not care about appearance. May everyone feels at ease in the way they like! Of course , going clubbing is all another world, and many work cathegory need to dress elegant or with a uniform, and certain events require a dress code, but on the every day life, shopping and leisure, people like to be confortable.

[it]

In Canada non si seguono le mode in massa. Non c’e’ il giaccone in voga di questo particolare inverno, se non che debba proteggere a modo nelle condizioni avverse. Ci sono molti stili e tendenze, e l’eleganza non e’ d’obbligo nemmeno nella maggior parte dei locali e ristoranti. Ci si puo’ svegliare la domenica mattina col bisogno di prendere del latte e andare al supermercato in pigiama, o essere adulto e indossare berrette rappresentanti vari animali, e tutti se ne fregano di usare l’ombrello se nevica. Ai Canadesi in genere non interessa l’apparenza. Che ognuno si senta a suo agio nel modo che preferisce! Certo, per andare a ballare e’ tutto un altro discorso, e l’abito elegante o la divisa e’ richiesto per molte categorie lavorative, ma nella vita di tutti i giorni, come fare spese e divertimenti, alla gente piace essere confortevoli.

le mele candite : Caramel Apples!

[en]

Who has not seen in movies of apples on a stick covered in frosting? But above all, who has tried them? Here you will find them quite frequently, especially in the chain of chocolate Rocky Mountains, where it can be found to suit all tastes and with many decorations. I have not yet attempted, I think they call caries on the teeth, but who knows ‘, maybe one day I’ll try!

[it]

Chi non ha visto nei film le mele su uno stecco ricoperte di glassa? Ma soprattutto, chi le ha provate? Qui si trovano abbastanza frequentemente, specialmente nella catena di cioccolaterie Rocky Mountains, dove se ne possono trovare di tutti i gusti e con molte decorazioni originali. Io non mi sono ancora attentata, mi sa che chiamino carie sui denti, ma chissa’, magari un giorno le provero’!